Food&Wine – Alla scoperta dei vini della cantina Carbognani

carbognani filari2

Un susseguirsi di distese di campi coltivati e vigne, con l’aria del torrente Parma che fa capolino, è il panorama che accompagna la strada per la cantina Carbognani. Paolo dà il benvenut

WIL_0091

o nell’azienda a Cascinapiano, sulla via per Langhirano, raccontando che i nonni hanno acquistato il podere nel 1963 dedicandosi principalmente alla coltivazione della terra ad uso agricolo, la coltura della vigna era riservata ad una produzione di vino limitatissima, un po’ per la famiglia e un po’ per gli amici. La vera attività vitivinicola ha avuto uno impulso circa 25 anni faquando hanno iniziato a produrre vino per venderlo e pian piano con un sensibile incremento e ampliamento della varietà dei vini prodotti. La coltivazione si sviluppa su circa tre ettari con una produzione annua non superiore alle 10.000 bottiglie. La singolarità della famiglia Carbognani è il rispetto delle tradizioni: la maggior parte del prodotto viene infatti venduto sfuso, in damigiane, proprio come i nonni avevano iniziato, così come l’attenzione e il rispetto per la rifermentazione in bottiglia senza l’utilizzo di autoclavi, proprio il metodo tradizionale che si seguiva una volta. L’assenza di correzioni in corso di fermentazione, porta ad avere una sorpresa ogni volta che si apre una bottiglia, le produzioni sono di volta in volta diverse l’una dall’altra. La raccolta è fatta a mano, con un’accurata selezione dei grappoli da vinificare per garantire il migliore risultato, l’aiuto di esperti enologi hanno dato vita al Pianello, fiore all’occhiello dell’azienda e all’Anner, uve Barbera e Merlot vinificate separatamente con metodo tradizionale e assemblate, a fine fermentazione, del 50 per ogni tipologia di uvaggio, l’affinamento in barriques di rovere per un periodo da 6 a 8 mesi, donano i sorprendenti sentori di confetture rosse, cuoio e tabacco. Le produzioni di punta e le più apprezzate rimangono sempre la Malvasia ed il Lambrusco…in attesa di qualche altra sorpresa in serbo!

di Cecilia Novembri